Clima: al via l’Accordo di Parigi. Ecco come CETA e TTIP ostacoleranno la lotta al climate change

Stop TTIP Italia

clima

Come ufficialmente notificato dalle Nazioni Unite (notification_first_session_of_the_cma), lo scorso 5 ottobre con la 74a firma depositata prende il via l’Accordo di Parigi per la lotta al cambiamento climatico, che entrerà formalmente in vigore il 4 novembre prossimo. Un risultato importante, anche se per ora parziale: impegni volontari, tempi lunghi e poche risorse economiche per adattamento e mitigazione dei gas, insomma la strada per mantenere la temperatura entro un intervallo sostenibile risulta ancora molto ardua.
L’Accordo, concluso alla Conferenza delle Parti Onu di Parigi nel dicembre 2015 (COP21), sta ponendo una serie di questioni non più ignorabili, a cominciare dall’inadeguatezza degli impegni (volontari) presi dai Paesi  firmatari  della  Convenzione  ONU  (UNFCCC)  che  se  confermati  non  impedirebbero  alla temperatura media globale di superare i 2°C di aumento rispetto alla temperatura dell’era preindustriale (le attuali stime parlano di un possibile aumento di 3.5°C). Uno scenario che porterebbe a modifiche profonde negli…

View original post 135 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...