CALVARIO FORESTALE di Franco Tassi‏

Il Blog della Campagna #salviamolaforestale

All’alba del Terzo Millennio, l’Italia sembrava finalmente avviata verso la riscoperta del proprio patrimonio naturale, e aveva incominciato a capire che il proprio avvenire era strettamente legato non al consumo, allo sperpero e all’incosciente distruzione, ma alla responsabile salvaguardia della propria vera ricchezza: il paesaggio, la natura e l’equilibrio ecologico. La sfida “impossibile” del 10%, per proteggere almeno un decimo del Bel Paese, era stata vinta, i Parchi Verdi stavano nascendo tra promesse e speranze, e si iniziava a pensare anche ai Parchi Blu. Sulla scia del pensiero scientifico più avanzato si scopriva la Biodiversità, e con sorpresa ci si rendeva conto dei benefici culturali, economici e sociali che una sana Ecologia può sprigionare. Il nuovo “Modello Italia”, cuore della Civiltà Mediterranea e delle Terre tanto Benedette dalla Natura quanto maltrattate dagli uomini, diventava così un esempio-pilota da imitare per ogni altro Paese che avesse a cuore il proprio futuro.

View original post 571 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...